Come scegliere la culla neonato ideale

Come scegliere la culla neonato ideale? Esistono criteri fondamentali da considerare nella scelta di una culla? Accogliere un nuovo membro nella famiglia è un’esperienza emozionante, ricca di attese e preparativi. Scegliere la culla, il primo nido dove il piccolo riposerà e sognerà, è un momento significativo per ogni genitore.

In questo articolo ti accompagnerò, passo dopo passo, nella scelta della culla neonato ideale pensando al comfort e alla praticità con un occhio sempre aperto sulla sicurezza per una dolce nanna.

Come scegliere la culla ideale per il neonato

L’arrivo di un bebè in famiglia è un momento di gioia e allegria. Spinti da un istinto biologico innato come genitori, abbiamo cura di predisporre l’ambiente in cui viviamo in un luogo accogliente e sicuro per i nostri piccoli. 

Ed ecco che la cameretta diventa il fulcro della preparazione di un nido accogliente e la scelta della culla ideale, uno degli aspetti più importanti da tenere in considerazione. 

Tuttavia, la culla non è soltanto un semplice accessorio da arredamento ma diventa il luogo dove il nostro piccolo trascorrerà gran parte del suo tempo. E in particolar modo nei suoi primi mesi di vita. 

A questo punto la domanda su come scegliere la culla neonato ideale per la nanna appare fondamentale. Sappiamo molto bene che ogni famiglia ha esigenze uniche, e ciò che funziona per una potrebbe non essere ideale per un’altra. In questo processo di scelta è cruciale considerare diversi aspetti come la sicurezza, la comodità, la praticità e il design. 

Come facciamo a scegliere una culla ideale?

Una culla deve essere sicura e stabile, ma anche ergonomica per facilitare i genitori nel prendersi cura del neonato. Allo stesso tempo, il suo stile e colore dovrebbero armonizzarsi con l’ambiente della cameretta, creando un’oasi di pace e serenità.

Esistono principalmente due tipi di culle:

  • la culla standard è il modello che presenta una sponda abbassabile con un cassetto contenitore nella parte inferiore; 
  • le culle trasformabili sono pensate per crescere con il bambino adattandosi nel tempo e trasformandosi da culla a letto per bambini fino a diventare un letto singolo. Se si opta per questo modello di culla è bene assicurarsi che il kit di conversione non sia venduto separatamente.

In commercio esistono inoltre, modelli ovali e rotondi dove appare importante considerare la disponibilità degli accessori compatibili come per esempio il materasso di cui parleremo più avanti in questo articolo. 

Come scegliere la culla ideale: la sicurezza prima di tutto! 

Quando si parla di culle, la sicurezza è l’aspetto più importante. È essenziale che la culla rispetti gli standard di sicurezza vigenti con caratteristiche come sponde adeguatamente alte e distanza tra le sbarre regolamentata.

Le culle e i lettini in commercio devono rispondere ai requisiti previsti dalle norme europee che riguardano le culle di lunghezza inferiore ai 90 cm (EN 1130) e i lettini di lunghezza compresa tra i 90 e 140 cm (EN 716 – 1). 

La scelta di un materasso adatto, la verifica della robustezza e stabilità della struttura sono altrettanto importanti per garantire un ambiente sicuro al nostro bambino. 

Ecco cosa bisogna prestare attenzione nella scelta di un culla:

  • altezza delle sponde: alte almeno 50 cm per evitare cadute e in caso di sponde abbassate alta circa 20 cm;
  • distanza tra le sbarre: tra i 4,5 e i 6,5 cm per impedire ai piccoli di inserire la testa, le braccia e rimanere intrappolato;
  • la robustezza delle doghe che per una migliore distribuzione del carico deve avere una distanza inferiore ai 6 cm.

Morbido o rigido? La scelta del materasso

Altrettanto importante è il materasso, il quale dovrà essere compatto e resistente. Nella scelta di una culla o nell’eventualità di un lettino è sempre bene prestare attenzione alla tipologia di materasso che non dovrà essere né troppo grande ma nemmeno troppo piccolo a confronto della struttura della culla. 

Provate a mettere due dita tra il materasso e la culla, se lo spazio è maggiore non è l’accessorio adatto per far dormire un bambino. 

E infine occhio alla rigidità del materasso scegliendo un modello che sia adatto ai più piccoli con garanzia di essere anti soffoco, anallergico e soprattutto traspirante.

Un occhio ai particolari nella scelta della culla ideale

Nella scelta di una culla per il neonato abbiamo osservato come sia importante prestare attenzione a certi dettagli che possono influire sulla sicurezza e sul benessere del bambino. 

Due aspetti fondamentali da tenere in considerazione è evitare le culle a baldacchino o con decorazioni eccessive.

Le culle a baldacchino possono sembrare esteticamente accattivanti tuttavia presentano dei rischi per la sicurezza del più piccoli, come:

  • Rischio di intrappolamento e soffocamento causato dalla presenza di frange, nastri e altre decorazioni appese;
  • interferenti per il sonno: le decorazioni elaborate possono anche disturbare o stimolare eccessivamente il bambino, interferendo con il suo sonno tranquillo e ristoratore.
  • accumulo di polvere: le strutture a baldacchino e le decorazioni possono facilmente accumulare polvere e allergeni, che non sono ideali per l’ambiente di sonno di un neonato.

Cuscino si? O cuscino no?  

Neonato, bambini piccoli o più grandicelli ogni età porta con sé una modalità di dormire e una esigenza differente. 

L’Organizzazione Mondiale della Sanità intervenendo in merito all’uso di un cuscino per i neonati ne sconsiglia l’utilizzo al di sotto i 18 – 24 mesi. Un tempo che occorre al neonato per raggiungere uno sviluppo strutturale cranico completo riducendo il pericolo di soffocamento.

Inoltre, nei primi mesi di vita, i bambini hanno bisogno di una superficie di sonno piatta per supportare la loro schiena e colonna vertebrale. L’uso di un cuscino può causare una curvatura non naturale del collo e della schiena portando a possibili problemi posturali.

Le linee guida per prevenire la SIDS suggeriscono di mantenere la culla il più spoglia possibile: senza cuscini, peluche o altri oggetti morbidi come i paracolpi che possano aumentare il rischio di soffocamento o intrappolamento (swaddle per neonato: tutto quello che devi sapere). 

E se la culla è regalata ed usata?

Il regalo dell’amica, dei nonni o la stessa culla in cui i genitori sono stati messi a dormire da piccolini, sono regali che emozionano molto ma con cui dobbiamo fare i conti prima di utilizzare per far dormire il nostro bebè.

La prima importante variabile a cui tener conto è età della culla. E’ bene evitare tutti gli accessori datati con più di 15 – 20 anni per una questione legata agli standard di sicurezza e tecnologica che come possiamo intuire sono progrediti migliorandone l’utilizzo.

Le culle prodotte prima del 1973, e in alcuni casi anche quelle fabbricate tra il 1980 e il 2000 potrebbero non essere a norma per l’utilizzo di vernici, bulloni e materiale non idoneo a far dormire un neonato. Schegge, crepe nel legno o vernici al piombo sono pericolose per la salute del neonato e per tutta la famiglia.  

Inoltre, alcuni vecchi modelli di culla possono avere caratteristiche di design che oggi sono considerate insicure. Un esempio potrebbero essere le sbarre troppo larghe o meccanismi di abbassamento delle sponde non sicuri. Meglio non rischiare, non trovi?

Come scegliere la culla ideale per il neonato in conclusione

In conclusione, scegliere la culla ideale richiede un attento bilanciamento tra estetica e funzionalità ma tenendo sempre in primo piano la sicurezza e il comfort del nostro bebè.

Io sono qui se tu avessi bisogno di trovare supporto e delle risposte pratiche su quale culla o lettino è ideale per la dolce nanna del tuo piccolo (scopri i miei percorsi e le consulenze del sonno personalizzato). 

Lascia un commento

Torna in alto