Attaccamento materno e sonno: perché vuole il contatto con la mamma?

Il mio bimbo cerca sempre le coccole prima di dormire, perché accade? Il legame tra mamma e bambino è un dono prezioso che si intreccia fin dai primi istanti di vita. Un legame speciale, definito attaccamento materno, rappresenta un vero e proprio porto sicuro per il bambino, una base emotiva solida da cui esplorare il mondo e a cui fare ritorno per trovare conforto e sostegno.

E proprio durante i momenti più intimi e delicati, come quelli del sonno, il bisogno di contatto con la mamma si intensifica. Il piccolo cerca il calore del suo abbraccio, il battito familiare del suo cuore, la melodia rasserenante della sua voce.

Eh si perchè se ci pensiamo bene bene: l’aria si vizia, non i bambini. Accogliere questo bisogno con amore e pazienza, donando al bambino il contatto pelle a pelle, non solo favorisce un sonno sereno e ristoratore, ma rafforza ulteriormente il legame d’amore e fiducia che lo lega alla sua mamma.

Questo contatto speciale, infatti, rievoca le sensazioni vissute nel grembo materno, infondendo nel bambino un senso di sicurezza e protezione che lo accompagnerà per tutta la vita.

Il legame madre-figlio: un ponte per lo sviluppo sano

Al centro dello sviluppo infantile risiede un legame speciale: quello tra madre e figlio. Questo legame, definito attaccamento, rappresenta il primo amore, un porto sicuro da cui il bambino muove i primi passi verso il mondo e a cui fa ritorno per trovare conforto e sostegno.

Lo psicologo John Bowlby, pioniere della teoria dell’attaccamento, già negli anni ’50 comprese l’importanza fondamentale di questo legame per lo sviluppo sano dell’individuo. Secondo Bowlby, un attaccamento sicuro tra madre e figlio pone le basi per una crescita emotiva e sociale equilibrata.

Un legame sicuro che si costruisce attraverso interazioni sensibili da parte della madre. Quando il bambino piange, la madre risponde in modo tempestivo e appropriato ai suoi bisogni, sia fisici che emotivi. Creando nel piccolo un senso di sicurezza e fiducia, permettendogli in questo modo di poter esplorare l’ambiente circostante con curiosità e senza timore alcuno.

Al contrario, un attaccamento insicuro, caratterizzato da risposte materne incoerenti o inadeguate, può portare a diverse problematiche emotive e sociali in età adulta.

Ecco alcuni punti chiave:

  • L’attaccamento materno è un legame duraturo e profondo: non si tratta di una semplice ricerca di cibo o accudimento, ma di un bisogno di sicurezza emotiva e di connessione con la figura materna.
  • L’attaccamento sicuro è fondamentale per lo sviluppo: fornisce al bambino la base emotiva da cui partire per esplorare il mondo, costruire relazioni sane e sviluppare una sana autostima.
attaccamento materno e serenità nella crescita

Il contatto fisico: l’ingrediente base per la serenità

Il contatto fisico tra madre e bambino rappresenta un tassello fondamentale nello sviluppo del legame di attaccamento. Ricerche dimostrano che un contatto regolare, che sia attraverso abbracci, carezze o semplicemente stando vicini, favorisce il rilascio di ossitocina, definito l’ormone dell’amore . 

Il ruolo di questo ormone è molto importante nel consolidare il legame madre-figlio agendo con un effetto calmante sul piccolo. L’importanza del contatto fisico si amplifica durante la notte, quando i nostri bimbi si sentono più vulnerabili e necessitano maggiormente di rassicurazione.

In questo momento così delicato, il contatto fisico con la mamma assume un ruolo cruciale:

  • Riduce lo stress e l’ansia: Il contatto fisico favorisce il rilascio di cortisolo, l’ormone dello stress, e allo stesso tempo aumenta i livelli di ossitocina, creando un effetto calmante e rilassante sul piccolo. Aiutandolo ad addormentarsi più facilmente e a dormire sonni più tranquilli;
  • Promuove un sonno sicuro: Il contatto fisico aiuta a regolare la frequenza cardiaca e la respirazione del bambino, favorendo un sonno più stabile e sicuro. Inoltre, la sensazione di calore e vicinanza della mamma può ridurre le probabilità di risvegli notturni.
  • Rafforza il legame di attaccamento materno: Il contatto fisico è un modo fondamentale per comunicare amore e rassicurazione al neonato. Attraverso il tocco, la mamma trasmette  il suo sostegno e la sua presenza, costruendo un legame di attaccamento sicuro che avrà effetti positivi sul suo sviluppo emotivo e sociale.

In definitiva, il contatto fisico tra madre e bambino rappresenta un elemento essenziale per garantire un sonno sereno e favorire lo sviluppo sano del bambino (il massaggio neonatale: tecniche di rilassamento per la nanna).

Attaccamento materno, contatto fisico e …

Oltre al contatto fisico, altri fattori che possono influenzare il sonno del bambino, sono:

  • Routine del sonno: Stabilire una routine del sonno regolare, con orari fissi per addormentarsi e svegliarsi, aiuta il bambino a sviluppare un ritmo sonno-veglia regolare.
  • Ambiente favorevole al sonno: Creare un ambiente tranquillo, buio e con temperature né troppo calde e fredde,  favorisce un sonno ristoratore.
  • Evitare stimoli eccitanti prima di dormire: Evitare di esporre il bambino a schermi luminosi o attività eccitanti prima di dormire può aiutarlo a rilassarsi e ad addormentarsi più facilmente.

Il sonno, pilastro fondamentale nello sviluppo del bambino

Abbiamo osservato cosa sia l’attaccamento materno e come il contatto con la madre giochi un ruolo chiave nella crescita di un bambino, concentriamo ora la nostra attenzione nei riguardi del sonno.

Oltre a rappresentare un momento di riposo e rigenerazione, il sonno assume un ruolo cruciale nel processo di sviluppo fisico e mentale dei bambini. Durante il sonno, infatti, si verificano numerosi processi vitali che supportano la crescita e la maturazione del cervello, del corpo e del sistema immunitario.

Tuttavia, per un neonato e per un bambino piccolo, il sonno può anche rappresentare un momento di vulnerabilità e insicurezza. Soprattutto nei primi anni di vita, la separazione dalla figura materna può generare ansia e disagio, ostacolando un sonno sereno e ristoratore.

attaccamento materno e sonno

Attaccamento materno, il ruolo fondamentale della mamma

In questo contesto, la presenza rassicurante della figura materna diviene un elemento determinante per favorire un sonno ristoratore.  Tra le braccia della mamma ci si sente al sicuro e protetti, la guardia si abbassa e  i muscoli si rilassano permettendo di abbandonarsi al sonno con maggiore serenità,

E non solo! Di fronte a paure notturne, come il buio o la separazione, la mamma rappresenta un punto di riferimento stabile, una fonte di conforto che lo aiuta a gestire le proprie emozioni e ad affrontare con coraggio le sfide del sonno.

Se il tuo bambino cerca il tuo contatto durante il sonno, non esitare a rispondere al suo richiamo. Assecondare questo bisogno naturale è fondamentale per creare un legame ancora più forte e per favorire un sonno sereno e ristoratore. 

Se stai lottando con il sonno del tuo bambino, desideri un aiuto concreto e personalizzato, contattami. Avremo modo di parlare, confrontarci e trovare insieme al mio team, il benessere e la serenità che meritate. Un momento di confronto totalmente su misura, per sciogliere tutti i dubbi, le incertezze e per comprendere quali strategie siano funzionali per voi.

Fai il primo passo verso un sonno sereno per tutta la famiglia!

Lascia un commento

Torna in alto